Formazione e assistenza tecnica nei controlli non distruttivi
Corsi Controlli non Distruttivi ITR System > Controlli non distruttivi > controlli non distruttivi esame liquidi penetranti PT

Corso Metodo Liquidi Penetranti PT in accordo a UNI EN ISO 9712 e SNT TC 1A

Per informazioni sui corsi Liquidi Penetranti vai in questa pagina

liquidi-penetranti-saldaturaIl metodo Liquidi Penetranti è un metodo molto diffuso perchè permette un controllo dei difetti superficiali in modo piuttosto semplice e con un’attrezzatura economica. Spesso viene  utilizzato anche dai saldatori per la verifica immediata di eventuali problemi che possono pregiudicare la qualità della saldatura o le successive passate.

Il controllo con liquidi penetranti è uno dei primi metodi introdotti nell’industria metallurgica per verificare l’integrità dei prodotti siderurgici. All’inizio venivano controllati getti in acciaio e forgiati con del petrolio ( kerosene ) e polvere di gesso.

I pezzi venivano immersi o irrorati con il petrolio, successivamente venivano asciugati e spesso sabbiati e in fine la polvere di gesso veniva utilizzata come rivelatore. Con il passare del tempo il controllo si è affinato assieme ai prodotti e materiali utilizzati e il suo impiego ha visto un utilizzo sempre più diffuso anche in campi impegnativi come l’industria aerospaziale e nelle lavorazioni a caldo.

E’ un metodo alternativo e complementare al controllo magnetico, quando si è in presenza di materiali non ferromagnetici o con geometrie complesse o quando gli elettrodi per la magnetizzazione possono creare sfiammature o comunque rovinare superfici finite.

Il controllo con liquidi penetranti è troppo spesso sottovalutato e applicato in maniera non conforme alle normative vigenti, la conseguenza è l’errato controllo quindi l’errata valutazione della conformità di un pezzo. Il controllo con liquidi penetranti risulta efficace se vengono rispettate le procedure di applicazione del metodo alle diverse tipologie di materiali impiegabili ( liquidi – rivelatori – emulsionanti – solventi ) e alle superfici da controllare. Il metodo deve essere sempre verificato in base al prodotto da controllare e ai difetti attesi.

Le normative base del metodo per il controllo PT sono :

  • UNI EN ISO 3452-1:2013 Principi generali
  • UNI EN ISO 3452-2:2006 Prove dei materiali utilizzati nell’esame con liquidi penetranti
  • UNI EN ISO 3452-3:2000 Blocchi di riferimento per le prove